Cambiare verso in Europa. Renzi, Katainen e le relazioni (epistolari) pericolose

Posted Leave a commentPosted in Politica, relazioni internazionali, Europa e società

Si sorvola sul debito francese e sul surplus commerciale tedesco, mentre testardamente si imputano "deviazioni significative" alla manovra italiana. Bisognerebbe, invece, avere il coraggio di mettere in discussione i folli parametri di Bruxelles fino in fondo. Tuttavia alzando la voce Renzi dirotta all’estero le tensioni interne alla sua maggioranza, le contraddizioni delle sue scelte politiche. L’Europa deve superare l’austerità e l’Italia una spesa pubblica inefficiente…

Matera capitale della cultura. Il Sud ce la fa ma chiede opportunità

Posted Leave a commentPosted in Politica, relazioni internazionali, Europa e società

Matera continua ad essere l’unico capoluogo d’Italia senza Ferrovia e la Basilicata l’unica Regione senza un aeroporto. L’unica autostrada che la attraversa è la Salerno-Reggio Calabria. Insomma, la Basilicata è in credito. Ora l’Europa scoprirà il Duomo di Matera, la Cattedrale di Acerenza, il Castello federiciano di Avigliano, il pecorino di Moliterno e i peperoni cruschi. Ma la Basilicata chiede ancora di essere messa in condizioni di competere con le altre Regioni…

Il sindaco sospeso e le Grosse koalition: perdenti

Posted Leave a commentPosted in Politica, relazioni internazionali, Europa e società

Ulivo, neocentrismo o Grosse Koalition? Il PD provinciale di Napoli chiude definitivamente a de Magistris, dopo l’assemblea di ieri sera, prontamente ribattezzata “Patto di Casoria”. De Magistris, dal canto suo, dopo la sospensione occorsagli a seguito della condanna di primo grado, ai sensi della Legge Severino, dismessi i panni dell’uomo di lotta e di governo, ha prontamente scelto la prima, alzando i toni delle scontro, proprio con i Democrat. Ma, in definitiva, la possibilità di una pax neoulivista – che tenesse dentro Dem e sinistra, capeggiata da de Magistris -, era già da tempo tramontata. Così come la trasformazione di de Magistris in leader moderato e istituzionale, ora che, messo all’angolo dalla Legge Severino, risfodera le armi della “rivoluzione arancione”, e riprende a mobilitare uno zoccolo duro di consenso composto da vari pezzi della svariata galassia della sinistra radicale e anti-sistema. Con il Patto di Casoria, il PD – coerentemente con i suoi recenti trascorsi – riconferma un’opzione socialdemocratica? Un’opzione che tenga fuori la varie sinistre arcobaleno, rifondazioni, eccetera, da una coalizione per il governo? Presto per dirlo. Innanzitutto, il PD ha già dimostrato di poter vincere senza l’ala sinistra, giacche è da due legislature che le varie sigle comuniste […]