Politica, relazioni internazionali, Europa e società

Zaia, Galan e l’agricoltura meridionale

Per la destra berlusconiana, l’agricoltura è “cosa nostra”. Da Zaia a Galan, il potere è veneto, amico e vicino al Nord.

Eppure, nonostante la giusta importanza dell’agricoltura padana, è noto che il settore primario di qualità rappresenti una delle eccellenze del Sud, uno di quei pochi fattori cui vincolarne lo sviluppo. Soprattutto con la fine dell’intervento straordinario, e l’idea di creare una grande industria fordista di Stato, le elite politiche italiane sembrano aver accettato il fatto che il Mezzogiorno viri verso una postmodernità fatta di terziario e quaternario, avendo forzosamente saltato la modernità industriale. Ma, per il Pdl a trazione leghista, non c’è settore che possa essere lasciato al Mezzogiorno: industria, turismo, agricoltura, la Lega ha costruito un’ideologia per cui il Settentrione debba essere ristorato degli scempi della “Roma ladrona” e dell’assistenzialismo lazzarone. Nonostante il Nord sia sviluppato, e la forbice con il Sud si allarghi sempre di più, dallo scandalo delle quote latte, al sostegno di Zaia alla mozzarella di bufala di Cremona, i ministri dell’agricoltura del Pdl sono una manna per la “Padania” e una iattura per il Meridione.

Eppure, le vocazioni naturali imporrebbero che il governo, almeno nell’agricoltura, fosse solo un po’ più filomeridionale. In Italia, infatti, il 67% delle coltivazioni biologiche è concentrato al Sud, con Sicilia, Basilicata e Puglia in testa; in merito ai marchi di qualità, su 226 marchi italiani Dop e Igp il 43%, pari a 77, proviene dal Mezzogiorno, soprattut- to olii e prodotti ortofrutticoli. Le politiche del Pdl per il Sud, invece, anche in agricoltura, hanno fallito.

Secondo l’ultimo rapporto Svimez, infatti, contrariamente ai precedenti anni di recessione, nel 2009 l’agricoltura meridionale è stata investita dalla crisi. Il setto- re primario del Sud è stato penalizzato, giacché la contrazione valutata a prezzi costanti è stata del -5% contro il -1,9% del Centro-Nord. Il Mezzogiorno ha perso 115mila posti di lavoro, con un calo di produttività maggiore del Nord. E il motivo è semplice: gli investimenti, rispetto al 2008, sono stati inferiori del 12%.

Ma le scelte di Zaia e Galan, volte a favorire il Nord, alla fine, potrebbero danneggiare l’intera agricoltura nazionale. Da anni, in Italia, infatti, decisori politici e intellettuali teorizzano la sovranità alimentare e l’importanza delle vocazioni territoriali. Il valore aggiunto della nostra agricoltura, non a caso, sarebbe in quello che i francesi chiamano il terroir. Un prodotto alimen- tare, cioè, non dovrebbe essere un semplice bene di consumo, ma un’opera dell’ingegno umano, testimonianza antropologica di un denso legame fra uomo, territorio, cultura. E’ in forza di questa ideologia che l’Italia ha appena candidato la “dieta mediterranea” all’inserimento nella Lista del Patrimonio Mondiale Immateriale dell’Umanità Unesco; è in questo solco che il nostro Pae- se denuncia i vari “parmesan” americani, contro il vero Parmigiano Reggiano. Eppure, il leghista Zaia è stato il miglior promotore della mozzarella di bufala lombarda.
Il governatore Formigoni si è spinto più in là, invitando i suoi corregionali a consumare non solo mozzarelle lombarde, ma anche il caviale dell’Oglio e del Mincio. Allora, smarrito il legame prodotto-territorio, come po- trà l’Italia denunciare ancora le mozzarelle cinesi?

View All

102 thoughts on “Zaia, Galan e l’agricoltura meridionale

  1. Pingback: Alexander6
  2. Pingback: Alexander7
  3. Pingback: ANGEL
  4. Pingback: LEWIS
  5. Pingback: SALVADOR
  6. Pingback: RONNIE
  7. Pingback: DUSTIN
  8. Pingback: EDUARDO
  9. Pingback: BRANDON
  10. Pingback: EDUARDO
  11. Pingback: SALVADOR
  12. Pingback: RUSSELL
  13. Pingback: PERRY
  14. Pingback: TERRENCE
  15. Pingback: ARTHUR
  16. Pingback: RALPH
  17. Pingback: GUY
  18. Pingback: SAMUEL
  19. Pingback: JEFFREY
  20. Pingback: DONALD
  21. Pingback: NATHAN
  22. Pingback: SAM
  23. Pingback: RUBEN
  24. Pingback: ADAM
  25. Pingback: BILLY
  26. Pingback: BRUCE
  27. Pingback: CARL
  28. Pingback: ANDREW
  29. Pingback: ROY
  30. Pingback: CLIFTON
  31. Pingback: VICTOR
  32. Pingback: SERGIO
  33. Pingback: RAY
  34. Pingback: RODNEY
  35. Pingback: LAWRENCE
  36. Pingback: MARION
  37. Pingback: MARION
  38. Pingback: JERRY
  39. Pingback: JOEL
  40. Pingback: AUSTIN
  41. Pingback: LEROY
  42. Pingback: JASON
  43. Pingback: RONALD
  44. Pingback: MITCHELL
  45. Pingback: BRUCE
  46. Pingback: JOHNNY
  47. Pingback: DUANE
  48. Pingback: MILTON
  49. Pingback: BRYAN
  50. Pingback: CARLOS
  51. Pingback: VINCENT
  52. Pingback: REGINALD
  53. Pingback: GERARD
  54. Pingback: TRAVIS
  55. Pingback: gerard
  56. Pingback: JEFFERY
  57. Pingback: MARION
  58. Pingback: LEON
  59. Pingback: BILLY
  60. Pingback: FRANCIS
  61. Pingback: RONNIE
  62. Pingback: GREG
  63. Pingback: ALEXANDER
  64. Pingback: STUART
  65. Pingback: WESLEY
  66. Pingback: KENNETH
  67. Pingback: FREDERICK
  68. Pingback: HOWARD
  69. Pingback: BILLY
  70. Pingback: IVAN
  71. Pingback: ANDRE
  72. Pingback: DERRICK
  73. Pingback: RENE
  74. Pingback: ANDREW
  75. Pingback: WADE
  76. Pingback: AUSTIN
  77. Pingback: JOSHUA
  78. Pingback: DUSTIN
  79. Pingback: KYLE
  80. Pingback: MARCUS
  81. Pingback: BYRON
  82. Pingback: ALBERT
  83. Pingback: CLINTON
  84. Pingback: BRENT
  85. Pingback: CLIFTON
  86. Pingback: MICHAEL
  87. Pingback: VERNON
  88. Pingback: RICK
  89. Pingback: JEREMIAH
  90. Pingback: HARVEY
  91. Pingback: NATHAN
  92. Pingback: FRED
  93. Pingback: ROGER
  94. Pingback: RUSSELL
  95. Pingback: JIM
  96. Pingback: FERNANDO
  97. Pingback: AARON
  98. Pingback: ARTURO
  99. Pingback: COREY
  100. Pingback: JOHNNIE
  101. Pingback: HUGH
  102. Pingback: KEITH

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *