Politica, relazioni internazionali, Europa e società

La politica delle nevrosi

Berlusconi, l’altro giorno, ha insultato per l’ennesima volta Rosy Bindi dileggiando quella che egli giudica la scarsa avvenenza dell’esponente Pd. Una vera e propria mania compulsiva, da parte del premier, che ha fatto delle volgarità contro la Bindi il corollario alle sue consuete battute sessiste.

Fino ad oggi, d’altronde, l’ossessivo martellare sul sesso di Berlusconi era considerato parte della sua strategia volta alla trasformazione della politica in spettacolo. Ora, la gravità e la gratuità delle volgarità indirizzate da Berlusconi alla Bindi, ultima perla di un rosario fatto di lascivi commenti che il premier non riesce a non proferire in qualsiasi contesto, come sul palco confindustriale all’ultimo Euromed a Milano, svelano che non si tratta di una strategia ma di una nevrosi senile. Un’ossessione che si fa politica. A sostegno della tesi di Veronica Lario che, illo tempore, disse che il marito era malato.

Non è raro, d’altronde, che i politici investano affettivamente su quelle che, all’inizio della loro carriera, erano semplici strategie razionali rispetto allo scopo di consolidare il proprio potere. Ma è decisamente più raro il caso di una nevrosi che si fa politica, dove gli elementi cognitivi e catettici, cioè affettivi, del politico verso un oggetto servono, contemporaneamente, un obiettivo strategico, e sono manifestazione di una patologia.

Forse è un paragone troppo illustre da scomodare, e sicuramente l’ossessione di Berlusconi non è ugualmente grave, ma è proprio Hitler che ha trasformato le sue nevrosi in politica. L’antisemitismo, infatti, era una strategia abbastanza consolidata e preesistente al Führer. Ma, con Hitler, si fa un salto qualitativo. Il suo odio verso gli ebrei, infatti, era profondo, assoluto, vero; ben oltre quelle mode reazionarie diffuse nella Francia dell’affaire Dreyfus. Allo stesso modo, l’ossessione di Berlusconi per quella che potremmo definire una visione pornografica della donna va oltre la razionale strategia del premier di alimentare una società del consumismo e dell’immagine che è funzionale sia ai suoi interessi imprenditoriali che politici. La devozione di Berlusconi al velinismo è sincera, assoluta, compulsiva. In modo surrealista, Berlusconi si serve di un immaginario che ha creato con le sue televisioni, ma vi è al contempo asservito; egli è, paradossalmente, vittima di un suo sogno.

La Bindi, suo malgrado, è l’elemento distonico nella visione berlusconiana. Il Cavaliere, infatti, si circonda in gran parte di donne giovani e belle. Le altre, con i loro capelli tinti, i tailleur che torniscono i glutei e le gambe, con quelle abbronzature caraibiche e quei caldi fard, rimandano a quell’idea ossessiva di giovinezza alla quale Berlusconi anela come il professor Gustav von Aschenbach descritto da Thomas Mann in Morte a Venezia. Il torto della Bindi, allora, non sarebbe quello di non essere giovane e bella, secondo il premier, ma di negare quella visione berlusconiana semplicemente in forza dei propri capelli bianchi; affermando la verità del tempo e del corpo, contro un potere biopolitico. Colpa su colpa, la Bindi ha sempre ribattuto a Berlusconi colpo su colpo. La gaffe di Berlusconi, quindi, non sarà l’ultima. Perché lo scandalo di una donna che fugge la finzione decorativa berlusconiana è tale da dover essere sempre stigmatizzato. Giacché nega quel velinismo che ha cessato di essere strategia, ma si è fatto patologia.

View All

102 thoughts on “La politica delle nevrosi

  1. Le tue riflessioni sono sempre di piacevolissima lettura.
    Nel tuo post mi è sembrato di scorgere molti richiami ad un editoriale (mi pare di Francesco Merlo) recentemente pubblicato su “La Repubblica”.
    Si parva licet componere magnis, senza scomodare Hitler, a me questa sorta di ingombrante ‘Nano da giardino’ ricorda più che altro la figura volgare e comunissima del vecchio puttaniere, incanaglito dagli anni e impenitente nella insipiente ignoranza plebea del brianzolo arricchito.
    Per capire il personaggio, il contesto culturale di riferimento, il suo brodo di coltura ideale, le sue mitologie di provincia, forse basterebbe guardare a buona parte della filmografia di Ugo Tognazzi, che nella sua lunga carriera di attore ha fornito più di un elemento da analisi sociologica sugli ingrifati bauscia lombardi. Tra i personaggi c’è persino un immaginario Angelo Berlusconi (“La stanza del vescovo”). E ci riferiamo ad un mondo remoto, in un passato ormai lontano, di un’Italietta inesorabilmente compassata e superata. Come Berlusconi ed il suo immaginario, fermo a 30 anni fa: roba vecchia, di infimo livello. Come mi è già capitato di sostenere, nel caso di Berlusconi parliamo in fondo di un residuato prebellico, risalente al secolo scorso: un rifiuto tossico del XX secolo.
    Quello che veramente trovo patologico però è il fatto che un simile fenomeno da anni ’50, un imbonitore da televendita, possa avere un seguito tanto vasto e adorante, perdendo poco o nulla della sua credibilità nonostante sia una fucina ambulante di scandali a getto continuo.
    A questo punto il vero, insormontabile, problema risiede nella psicologia dei popoli e nel profondo dell’anima oscura degli italiani…
    In fin dei conti, al principio degli anni ’20 Hitler era solo un pittore fallito e psicotico, un immigrato austriaco che si arrabattava come informatore della polizia tedesca…
    Se ne incontrano a bizeffe di tipi così nelle discussioni da bar, nei sotterranei delle metropolitane, nei ricoveri psichiatrici, ma non per questo vengono eletti “presidenti del consiglio”.
    Un popolo sano dovrebbe avere gli anticorpi e la lucidità di giudizio per eleggersi i propri “amministratori”. Se Berlusconi è il rappresentante ideale della maggioranza degli italiani, il problema non è l’uomo ma gli italiani stessi. Questa è una questione fondamentale e non facilmente superabile col ritiro del bolso ometto in perenne satiriasi.

  2. Pingback: LUKE
  3. Pingback: LEWIS
  4. Pingback: EDUARDO
  5. Pingback: TERRENCE
  6. Pingback: BRANDON
  7. Pingback: DUSTIN
  8. Pingback: PERRY
  9. Pingback: ENRIQUE
  10. Pingback: ALFRED
  11. Pingback: KIRK
  12. Pingback: RUSSELL
  13. Pingback: ARTHUR
  14. Pingback: SALVADOR
  15. Pingback: GABRIEL
  16. Pingback: ALFRED
  17. Pingback: ANDREW
  18. Pingback: CLAUDE
  19. Pingback: BRETT
  20. Pingback: WALLACE
  21. Pingback: DONALD
  22. Pingback: FELIX
  23. Pingback: BRADLEY
  24. Pingback: BRUCE
  25. Pingback: KENNY
  26. Pingback: WILLIAM
  27. Pingback: RUBEN
  28. Pingback: BILLY
  29. Pingback: CARL
  30. Pingback: ADAM
  31. Pingback: LUIS
  32. Pingback: VICTOR
  33. Pingback: DARYL
  34. Pingback: CLIFTON
  35. Pingback: RAY
  36. Pingback: SERGIO
  37. Pingback: JEREMIAH
  38. Pingback: LLOYD
  39. Pingback: LAWRENCE
  40. Pingback: GLENN
  41. Pingback: BRETT
  42. Pingback: JASON
  43. Pingback: RONALD
  44. Pingback: VINCENT
  45. Pingback: BRYAN
  46. Pingback: LEWIS
  47. Pingback: BRUCE
  48. Pingback: DENNIS
  49. Pingback: ROLAND
  50. Pingback: ALEX
  51. Pingback: BRUCE
  52. Pingback: DWAYNE
  53. Pingback: SHANE
  54. Pingback: VINCENT
  55. Pingback: AARON
  56. Pingback: VINCENT
  57. Pingback: LESTER
  58. Pingback: TERRY
  59. Pingback: MAURICE
  60. Pingback: LESLIE
  61. Pingback: LANCE
  62. Pingback: JERRY
  63. Pingback: JAMES
  64. Pingback: EDWIN
  65. Pingback: OSCAR
  66. Pingback: LUTHER
  67. Pingback: RAY
  68. Pingback: DUSTIN
  69. Pingback: TRAVIS
  70. Pingback: MARVIN
  71. Pingback: FRANKLIN
  72. Pingback: CHRIS
  73. Pingback: BRYAN
  74. Pingback: JERRY
  75. Pingback: MARK
  76. Pingback: JIMMIE
  77. Pingback: TRAVIS
  78. Pingback: TYLER
  79. Pingback: CLINTON
  80. Pingback: ALEX
  81. Pingback: CURTIS
  82. Pingback: JAMES
  83. Pingback: HOMER
  84. Pingback: JEFF
  85. Pingback: ERIC
  86. Pingback: WARREN
  87. Pingback: DUSTIN
  88. Pingback: FREDRICK
  89. Pingback: CHRIS
  90. Pingback: ROBERT
  91. Pingback: ALEX
  92. Pingback: ALEXANDER
  93. Pingback: FREDDIE
  94. Pingback: NATHANIEL
  95. Pingback: GUY
  96. Pingback: RAMON
  97. Pingback: FRANCIS
  98. Pingback: RALPH
  99. Pingback: ENRIQUE
  100. Pingback: JEREMIAH
  101. Pingback: DONALD
  102. Pingback: JIM

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *